Su di me

Qualcosa su di me

Mi chiamo Roberto Gozzani, sono nato e vivo (ambedue non per mia scelta!) a Massa, Massa-Carrara, in alta toscana. Lavoro come tecnico elettronico in una ditta di GPS.

15 anni fa mi dilettavo nella costruzione di robot domestici, autonomi, capaci di orientarsi, anche con l'uso di una telecamera e vari sensori. Questa esperienza mi e' servita oggi, per alcuni dispositivi che sto facendo.

Una decina di anni fa' ero a un tavolo tra amici e c'era anche un signore cieco. Dopo aver capito che ero un tecnico elettronico, mi chiese se fosse possibile costruire qualcosa che aiutasse i ciechi almeno a capire se ci fosse qualcosa sul tavolo per evitare di colpirlo con le mani, ad esempio far cadere un bicchiere. Io risposi che c'era sicuramente qualcosa, figuriamoci.

Con il tempo e varie ricerche sull'argomento, mi sono pero' reso conto che in realtà sul mercato non c'era granché. Qualcosa c'era, ma erano (e sono tutt'ora) ricerche universitarie che poi non trovano l'imprenditore che le trasforma in prodotti commerciali. I motivi sono molti, tra cui gli alti investimenti iniziali che portano il rientro delle spese in avanti negli anni, con l'incertezza che intervenga qualcun'altro a vanificare l'impresa.

Tuttavia, io non ho fondi di ricerca (purtroppo!) ai quali posso attingere e non sono un imprenditore, ma non accetto neanche che allora nessuno faccia niente, e' ingiusto, immorale. Quindi, dopo anni in cui pensavo alla richiesta di quel signore e che mi tenevo aggiornato sulle novità dell'argomento, ho deciso di fare una prova e mi sono messo a cercare un sistema per convertire le immagini in suoni.

Dopo un paio di anni, ho fatto questo programma (segue un video, purtroppo non audio descritto):

Certo, era un passo avanti, dato che ciò che avevo sentito fino a quel momento di progetti simili, erano suoni elettronici, che avrebbero fatto impazzire anche il leader di una band heavy metal dopo 10 minuti di ascolto. A gennaio del 2017 ho avuto un'idea per avere un ambiente sonoro ascoltabile per ore ed ore e cosi' ho dedicato tutto l'anno allo sviluppo di un dispositivo indossabile per far percepire ai non vedenti l'ambiente circostante e le distanze dagli oggetti. In questa sede non posso dire di più perché e' ancora top-secret. :-)

Quello che posso dire e' come sono nati questi dispositivi attuali: dopo l'estate 2017, quando il prototipo di questo dispositivo che ho chiamato Sblinder, era ormai quasi pronto, ho creato un gruppo facebook al quale ho invitato un certo numero di non vedenti interessati per migliorarlo e fare qualcosa di veramente pratico, efficace. Quello che non mi aspettavo e' che molti di loro sono diventati miei veri amici. A questo punto cosa succede se un amico ti chiede di risolvergli un problema pratico di vita quotidiana e che sai che tu lo puoi risolvere? Semplice, lo risolvi. Bene, e' quello che cerco di fare da gennaio 2018, anche se questo ha comportato il sospendere il progetto principale.

Bene, se anche tu hai un'esigenza risolvibile con qualche dispositivo che sono in grado di farti, contattami pure, se posso ti do una mano volentieri. E fancu... al marketing, ai numeri, al "bacino clienti", ai trend e ai brand! Secondo l'ISTAT ci sono 380'000 ciechi in Italia. Troppo pochi (considerando che molti non comprano perché troppo anziani o altre ragioni) per un "bacino clienti" per investire? Beh, per me anche uno solo e' gia' troppo per non fare nulla, ecco come la penso!

Concludo con il collegamento alla mia pagina Facebook https://www.facebook.com/roberto.gozzani
e alla mia collezione musicale, che mi identifica particolarmente: https://open.spotify.com/user/rgozzani/playlist/2pOq12pfGWOgmZ92GGMeBd?si=R8PWPXCcRL-cX1aHtQZf8w

Ringraziamenti:
per realizzare questi progetti e cercare le soluzioni ai vari problemi che mi vengono proposti mi ha aiutato tantissimo un capolavoro di libro che si intitola "Cambia vita in sette giorni", di Paul McKenna.
Un altro libro che mi ha permesso di avere anche 2 ore in più al giorno e' stato "The Miracle Morning" di Hal Elrod.
Per la gestione del tempo, fondamentale per regolare le priorità, invece devo ringraziare Roberto Re.
Per l'accessibilità del sito ringrazio le dritte che tutt'ora mi sta dando Leonardo M., un bravo webmaster nonostante la giovane eta'.
Infine per la pazienza e il mancato tempo insieme, ringrazio mia moglie, una cosiddetta "santa donna"!

Vuoi contattarmi?